Home | Credits
Canzoni

DO
Fabio Testa - Alberto Testa (1997)

DO

Il dolce mito: Mariele. Una persona davvero straordinaria. Capace di amare in modo totale, al punto che vicino a lei ci si sentiva sempre con le nuvole sotto le scarpe. Eppure sapeva quel che voleva, sapeva quel che faceva...e voleva e faceva e otteneva: dai bambini, dalle loro famiglie, dai frati dell'Antoniano, dagli autori. E così, con lei - attorniata da Liliana e Daniela e Antonella e poi Sabrina - nasceva e cresceva il Piccolo Coro in continua evoluzione. Con l'invenzione dello Zecchino d'oro da parte di Cino Tortorella e con i Padri Ernesto, Berardo, Gabriele, Benedetto, Marco e l'indispensabile Pia e perché no? la RAI (e chissà chi - chiedendo scusa - sto dimenticando) aumentavano i consensi attorno all'Antoniano in Italia e nel mondo. Tutto questo, partendo da quella piccola grande che è Mariele. Sperando di non essere frainteso mi azzardo a definire Mariele Ventre "il dolce mito di una donna fortissima". Ed ora non mi resta che fare una piccola aggiunta: il testo della canzone scritta - parole e musica - da Fabio Testa, mio figlio, con me. Glie la abbiamo dedicata con tutto l'amore che Mariele merita.

DO
(Dedicata a Mariele) - 1997
Parole e musica di Alberto e Fabio Testa

Era un'amica grande così
ma con un cuore grande cosà
tutte le note sapeva però
la preferita per lei era il "DO"...

DO ... la nota
DO ... il tempo
DO ... l'intonazione
DO ... la mano
DO ... il cuore
la mia vita...DO !

Era la mamma di mille bambini
era la zia di mille canzoni
era sorella di mille violini
ed era un po' fidanzata col "DO"...

DO ... la nota
DO ... il tempo
DO ... l'intonazione
DO ... la mano
DO ... il cuore
la mia vita...DO !

Sempre rideva e scherzava perchè
era più allegra di te e di me
lei non sapeva mai dire di no
quando Dio la chiamò
lei sorrise e se ne an...
se ne an...
se ne an...
DO ... la nota
DO ... il tempo
DO ... l'intonazione
DO ... la mano
DO ... il cuore ...
...... la mia vita...DO !

N.B. La canzone "DO" è stata cantata (non in concorso) durante "Lo Zecchino d'oro" del 1997 da un folto gruppo vocale formato da ex interpreti dello Zecchino e da ex coristi del Piccolo Coro, ormai grandi, su arrangiamento di Paolo Zavallone.