Home | Credits
Canzoni

VESTITA DI ROSSO
Cozzoli-A.Testa (1962)

Nella mia carriera, iniziata nel 1952, avevo già fatto un certo numero di discreti successi (Carina, Brivido blu, Boccuccia di rosa, Quando vien la sera…), ero diventato Socio dellla SIAE, qualifica che ora non esiste più e che significava che un Autore a quel punto poteva essere considerato un Autore professionista. Mi riprese la voglia di fare il cantante: era stato il mio primo sogno! La Dischi Ricordi mi scritturò e cominciai con un 45 giri non più che “carino”. Non feci promozione e il disco – giustamente – ebbe vendite minime, poche migliaia di copie (a quei tempi, 10.000 copie rappresentavano un flop). Allora provai con qualcosa di più forte, appunto “Vestita di rosso”, ironica, spiritosa e leggermente swing. La musica me la diede Rinaldo Cozzoli (autore della musica di “E’ mezzanotte” altro mio successo di Sanremo ’60). Per il testo mi diede una mano Leo Chiosso ma non volle firmare. Bisognava però pensare ad un lancio importante. Il mio provino fu inviato a Sanremo e la Commissione lo scelse all’unanimità. L’Editore, Leonardi, l’appoggiò. Ma la mia casa discografica non puntava sul mio nome per Sanremo e non aveva più, posti disponibili. Doveva lanciare Emilio Pericoli e aveva scelto per lui un’altra mia canzone su musica di Tony Renis: “Quando quando quando”. Perciò “Vestita di rosso” fu affidata a due cantanti di altre case discografiche. Bravissimi ma che con “Vestita di rosso” non c’entravano per niente. Protestai con Ravera – che era l’organizzatore del Festival e lui mi disse: “Se convinci la Ricordi a mandare te a Sanremo, invece di Pericoli, ti prendo… ma a cantare “Quando quando quando”… tu e Tony Renis” (allora a Sanremo si presentavano due esecuzioni). Io mi rifiutai di tentare di convincere la Ricordi perché sarebbe equivalso a togliere il posto ad un cantante professionista per fare spazio a me che – in fin dei conti – tentavo solo un’avventura! E così, incavolatissimo come cantante e felicissimo come Autore… a Sanremo ci andai da spettatore! La Ricordi mi fece fare il video, uno dei primissimi mai esistiti… e forse ne metterò un pezzettino nel Sito, appena imparerò come si fa. La canzone la considero “datata” ma ottima e devo ringraziare Marino Marini che ne ha fatto un buon successo in tutta Europa.